Yellowstone si risveglia geyser dopo 8 anni

geyserDopo otto anni, il geyser Steamboat si è risvegliato: la settimana scorsa i turisti del Parco di Yellowstone, negli Stati Uniti, hanno potuto osservare con i loro occhi l’inaspettato evento che ha prodotto schizzi di acqua e vapore alti dai 60 ai 90 metri.

Il geyser americano, che è conosciuto per essere la sorgente di acqua calda con gli spruzzi più alti del mondo, si è “risvegliato” mercoledì scorso verso le sette e mezza del pomeriggio, concedendo ai turisti una spettacolare esibizione durata circa nove minuti. Il portavoce del grande parco nazionale, Dan Hottle, ha spiegato che il vapore ha poi continuato ad uscire per tutta la notte; un comportamento normale per i geyser che solitamente, dopo aver esaurito tutta la fornitura di acqua, lasciano sfogare il vapore per altre 24 ore.

Le eruzioni di Steamboat sono rare ed imprevedibili, ma sempre molto attese nel parco. “E’ il geyser preferito dalle persone che vengono qui e dagli impiegati di servizio di Yellowstone”, ha detto Hottle ad Our Amazing Planet. Nonostante il funzionamento interno di queste sorgenti rimanga per il momento ancora poco noto, i ricercatori spiegano che prima di un eruzione l’acqua e il vapore vengono “intrappolati e pressurizzati” in un caverna; quando poi la pressione diventa troppo alta, il vapore spara l’acqua fuori attraverso un condotto creando le incredibili fontane note al pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.