Slow Food: proposta Friuli OGM mette a rischio agricoltura

ogm_pomodoriIl Partito Democratico “si pronunci in maniera inequivoca sulle proprie visioni in materia di Ogm”.

Lo chiede, in una lettera indirizzata al segretario Matteo Renzi, la task force “Per un’Italia libera da ogm” di cui fanno parte Slow Food e Legambiente.

L’iniziativa in seguito al caso Friuli Venezia Giulia: “dopo le semine illegali e l’altrettanto illegale raccolto ad ottobre – scrive la task force contro gli ogm – la Regione propone ora una bozza di documento sulla regolamentazione della coesistenza tra agricoltura biologica, convenzionale e geneticamente modificata che, di fatto, apre le porte alla contaminazione e quindi alla diffusione incontrollata degli Ogm in agricoltura, mettendo a rischio tutto il comparto agricolo italiano”.

“Ricordiamo – continuano Slow Food e Legambiente – che il Pd ha ribadito più volte la sua attenzione per agricoltura ed ambiente e la contrarietà all’uso di Ogm. Ci chiediamo come si concilia quanto avvenuto in Friuli, regione governata da un’alleanza Pd-Sel”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.