Land art, un occhio ciclopico ai piedi dell’Etna

Un occhio di Ciclope, con tanto di enorme fulmine rosso, in mezzo alle campagne di Catania ed ai piedi del vulcano. Guarderà – severo, sorpreso, vigile – tutti coloro che viaggeranno in aereo da e per l’aeroporto Fontanarossa, perchè si potrà ammirare bene solo dal cielo: un’opera di «Land Art» piazzata in cima ad una collina di terrazzamenti. Sarà allestita tra qualche settimana, e sarà permanente: primo esempio pioniere nel territorio etneo, dove non c’è mai stato nulla di simile. Si chiama «Un Colpo D’Occhio» ed a firmarla è la paesaggista inglese Clare Littlewood che ha pensato così di fare un omaggio alla Sicilia. Secondo il mito classico, infatti, i Ciclopi erano i fabbri di Giove ed hanno ancora la propria fucina sotto l’Etna. I tre Sterope, Bronte ed Arges avevano tutti un occhio solo, in mezzo alla fronte. Per realizzarlo all’aperto e in dimensioni così grandi la paesaggista britannica ha sfruttato una tipica «gebbia» catanese: una cisterna d’acqua che gli Arabi hanno importato in Sicilia per irrigare gli agrumeti e che viene usata ancora oggi nella tradizione contadina.


L’occhio ciclopico – La gebbia, dipinta d’azzurro, sarà la pupilla cristallina dell’occhio circondato poi da pietre bianche di fiume. Nulla è lasciato al caso, e così il ciclope avrà pure ciglia folte, realizzate con una stretta fila di agavi. La saetta rossa, che scenderà a zig zag verso valle, avrà i colori del fuoco del Vulcano e della Sicilia grazie a piante di «Lantana Camara». Di più: ad abbracciare visivamente l’opera ci saranno due file di cipressi a gruppi di tre, e le alzate delle terrazze della tenuta saranno fiorite a festa. «Parecchi ettari del mio terreno – spiega all’Italpress Salvatore Bonajuto, proprietario della Tenuta Cardinale location dell’opera – resteranno valorizzati da questa «opera verde» in cui concorrono insieme piantagioni e manufatti. In Sicilia ci sono altri esempi di Land art, come Fiumara D’Arte, ma a Catania si tratta di un esperienza unica e di un progetto lungo tre anni». L’Occhio ciclopico sarà il fiore all’occhiello della Prima Mostra Mercato di Piante per il Giardino Mediterraneo «Dove fiorisce la Jacaranda» che si terrà a Catania per tre giorni dal 7 al 9 aprile: un’occasione per scoprire i nove Grandi Giardini Italiani presenti sull’isola ed a Malta. Un appuntamento per i maniaci del pollice verde: per i bimbi ci sarà una Caccia al Tesoro Botanica, per i grandi presentazioni di libri a tema ed una curiosa «Asta delle piante».

Fonte Italpress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.