Yosemite devastato da falò cacciatore

Yosemite incendioL’incendio che da 20 giorni sta devastando il Parco nazionale di Yosemite, in California, sarebbe stato causato dal fuoco acceso da un cacciatore e lasciato incustodito. Il rogo e’ stato domato per l’80%, ma ha già mandato in fumo 96.000 ettari di bosco e minacciato la fruizione dell’acqua potabile di San Francisco.

Secondo quanto riferito dalla polizia forestale, il cacciatore avrebbe acceso un fuoco il 17 agosto nel Bosco nazionale Stanislaus, dove l’utilizzo di fiamme libere è proibito, e l’avrebbe lasciato incustodito. L’uomo non e’ stato ancora identificato ma la nuova pista fa tramontare la precedente ipotesi che a causare l’incendio fossero state persone collegate alla coltivazione illegale di marijuana. Quello di Yosemite è il quarto incendio più esteso della storia della California.

Finora ha causato 5 feriti, ha compromesso la rete idroelettrica della zona e ha distrutto 111 edifici (tra cui 11 case). Alla sua estinzione stanno lavorando 4000 vigili del fuoco e finora il disastro ambientale ha pesato sulle casse dello stato per 81 milioni di dollari (quasi 62 milioni di euro). L’avanzamento delle fiamme, a partire dal primo fuoco, sono state favorite dalla tipologia di terreno, dalla mancanza di umidita’ e dalle temperature estive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.