Raccolti 8.000 kg di rifiuti sul Baltoro

Circa 8.000 chili di rifiuti raccolti sul ghiacciaio del Baltoro e sulle montagne che lo circondano, nella catena del Karakorum. E’ il bilancio della campagna ‘Keep Karakorum Clean’, promossa dal Comitato Ev-K2-Cnr nell’ambito di un progetto di cooperazione tra Italia e Pakistan. Oltre alla pulizia, l’iniziativa prevede anche un’attivita’ di sensibilizzazione delle spedizioni di alpinisti e trekkers e delle popolazioni locali sull’importanza della tutela ambientale e della raccolta differenziata. Guidata da Maurizio Gallo, la campagna ha provveduto – a partire da giugno – a ripulire i campi lungo il trekking da Askole a Concordia e i campi base dislocati lungo il ghiacciaio (K2, Broad Peak, Gasherbrum).

La squadra e’ composta da personale pakistano formato all’interno dei progetti Ev-K2-Cnr e ogni anno sono coinvolti nuovi portatori, provenienti da diverse regioni, affinche’ diffondano la cultura della tutela ambientale in tutto il loro paese. Inoltre da meta’ luglio a meta’ agosto un gruppo selezionato di portatori d’alta quota si e’ dedicato alla pulizia del Gasherbrum II fino al campo 4, posto a 7.800 metri di quota, dove la situazione dei rifiuti abbandonati dalle spedizioni alpinistiche (bombole d’ossigeno, lattine, tende distrutte dal vento, materiale da cucina) e’ risultata molto grave.


”La spedizione – racconta Gallo – e’ stata un grande successo perche’ lavorare in alta quota non e’ mai facile”. Nell’ambito dell’operazione ‘Keep Karakorum Clean’ sono anche state piazzate sul ghiacciaio delle ‘toilette’ per la raccolta dei rifiuti umani. Complessivamente in tre anni sono state portate via quasi 30 tonnellate di rifiuti dal Baltoro, lungo circa 60 chilometri e con un’estensione di 700 chilometri. Ogni anno lassu’ arrivano circa 700 tra trekkers e alpinisti, oltre ad almeno 6.000 portatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.