NOTIZIE IN PILLOLE: Ospedale per volatili

Lo Stretto di Messina, crocevia obbligatorio nella rotta migratoria di migliaia di uccelli (oltre 25.000 ogni anno), culla di almeno 32 specie diverse, tra le quali alcune rarissime o in via d’estinzione come l’aquila imperiale, il falco della regina o la cicogna, rappresenta un patrimonio faunistico che merita di essere preservato. Per questo motivo, da qualche mese, l’ex fortezza militare di Colle San Rizzo è stata trasformata dall’azienda regionale Foreste demaniali in un ospedale per volatili. Il centro di recupero della fauna selvatica, gestito dall’Associazione mediterranea per la natura, si occupa della cura, riabilitazione e reimmissione in natura di uccelli feriti da bracconieri o affetti da patologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.