Il Calice e la Patena. Giovedì 13 settembre a Santa Margherita Belice solenne cerimonia per il bicentenario dalla donazione da parte dei Reali di Borbone alla Collegiata Chiesa Madre di Santa Margherita

Giovedì 13 settembre, a Santa Margherita di Belice (AG), nell’ambito del calendario delle iniziative religiose della Comunità Ecclesiale Parrocchia “SS. Rosario” – Chiesa Madre, per l’Esaltazione della Santa Croce, e in collaborazione con il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, è prevista, alle 19.00, una Solenne Celebrazione Eucaristica. La Santa Messa, presieduta dall’arciprete Don Filippo Barbera, sarà celebrata in occasione della ricorrenza del bicentenario dalla donazione del Calice e della Patena da parte dei Reali di Borbone alla Collegiata Chiesa Madre di Santa Margherita. Nella storia della Real Casa di Borbone delle Due Sicilie è noto il lungo soggiorno che fecero a Santa Margherita, nel 1812, Re Ferdinando IV di Napoli e III di Sicilia, la Regina Maria Carolina d’Austria e il figlio, Principe Leopoldo, costretti in quegli anni a risiedere in Sicilia, dopo l’occupazione francese di Napoli. Ospitati dal Principe Nicolò I nel Palazzo Filangeri di Cutò, durante la dimora, i Reali, per devozione verso la Collegiata della Chiesa Madre, vollero lasciare a ricordo un calice e una patena d’oro. Il calice, di epoca settecentesca, è stato realizzato da una maestranza che conosceva le antiche tecniche e arti decorative della scultura “suntuaria”. È un’opera raffinata, curata in ogni minimo particolare, nella quale emergono tra i metalli nobili, le pietre preziose e gli smalti i simboli della Passione di Cristo che lo rendono unico nel suo genere per valenza artistica e religiosa. Il Calice e la Patena, dopo duecento anni, sono stati riportati al loro primiero splendore grazie al contributo e l’impegno della Rappresentanza di Castelvetrano del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, Ordine Equestre dinastico – familiare della Real Casa dei Borbone delle Due Sicilie con a Capo il Principe Carlo, Duca di Castro, discendente diretto degli ultimi sovrani. È prevista la presenza di diversi Cavalieri dell’Ordine Costantiniano guidati dal Delegato Vicario di Sicilia, Nob. Comm. di Grazia Antonio di Janni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.