Energia rinnovabile: megapiano in Sicilia

Terreni pubblici coltivati a ulivi e vigneti per 170 ettari alcuni a vincolo paesaggistico e idrogeologico e altre superfici, di proprieta’ di aziende regionali, per ulteriori 138 mila metri quadrati sono stati individuati dalla Regione siciliana come luoghi dove potere costruire centrali energetiche a tecnologia solare fotovoltaica.

Si tratta di un mega-progetto in fase avanzata messo a punto dall’assessorato all’Economia. Le schede tecniche delle zone pubbliche dove potrebbero sorgere gli impianti, sono state allegate a un bando-concorso aggiudicato nei giorni scorsi da una commissione esaminatrice allo studio Bordonali Srl di Palermoche realizzera’, si apprende dalla Regione ”un progetto o piano con livello di approfondimento pari a quello di un progetto preliminare” per la realizzazione ”di impianti fotovoltaici di alto pregio paesaggistico ed elevata replicabilita’ da realizzarsi in aree di proprieta’ o nella disponibilita’ della Regione”.

Le centrali avranno una potenza massima aggregata di 50-60 MWp, raggiungibile ”anche attraverso piu’ impianti replicabili della potenza minima di 5 MWp per i terreni e di 50kWp per i fabbricati”.

La Regione ha effettuato uno studio di prefattibilita’ su tre terreni pubblici, dove ”potenzialmente”, come si legge nel bando, potrebbero sorgere le centrali: a Menfi in contrada Gurra Mortelluzze; a Militello Val di Catania, contrada Ambelia; a Ragusa-Molesine.

1 commento

  1. ENERGIA ALTERNATIVA E RISPARMIO ENERGETICO per il riscaldamento e raffrescamento degli ambienti.

    POMPE DI CALORE
    http://www.geotermiaitalia.it/catalogo/prodotti.html

    Sono sistemi completi di riscaldamento e raffrescamento energeticamente efficiente che assicurano una climatizzazione interna economica e al tempo stesso eco-sostenibile.
    Questa tecnologia è disponibile per installazioni residenziali mono/plurifamiliari ed edifici industriali e commerciali di grandi dimensioni.

    Pompe di calore geotermiche;
    Pompe di calore aria-acqua;
    Pompe di calore ad aria esausta.

    La pompa di calore geotermica utilizza come fonte di calore il sottosuolo o l’acqua di falda e consente un risparmio sui costi per il riscaldamento fino al 80%.
    Non è necessario risiedere in una zona termale per usufruire dei benefici del calore sotterraneo: a partire da 10 mt di profondità la temperatura del terreno si mantiene quasi costante per tutto l’anno, ed intorno ai 100 mt le temperature si attestano intorno ai 10-12°C costituendo una fonte di calore ottimale per il funzionamento della pompa di calore.

    La pompa di calore aria-acqua utilizza come fonte di calore l’aria esterna e consente un risparmio sui costi per il riscaldamento fino al 50-60%.
    Questa pompa di calore hanno un’efficienza straordinaria; ad esempio possono produrre acqua calda per riscaldamento o usi sanitari fino a temperature di 65°C con il solo compressore e lavorare fino a temperature esterne di -25°C !!!

    La pompa di calore ad aria esausta utilizza come fonte di calore l’aria viziata presente nella casa, consente un risparmio sui costi per il riscaldamento fino al 50%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.