Cnr, bonificare siti Priolo e Gela conviene, meno morti e ricoveri


Salvavita e ‘salva portafoglio’. Realizzare interventi di bonifica dei siti inquinati di Priolo e Gela è conveniente non solo, com’è evidente, per l’ambiente e la salute, ma anche per le casse pubbliche. Si preverrebbero infatti morti e ricoveri e i relativi costi. Un gruppo di ricercatori dell’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ifc-Cnr) di Pisa e della London School of Hygiene and Tropical Medicine di Londra ha stimato l’impatto positivo di questi interventi anche in termini di risparmio economico, in uno studio pubblicato sulla rivista ‘Environmental Health’.

In media, spiegano gli scienziati, “rimuovendo le fonti di esposizione e bonificando le due aree in studio, potrebbero essere evitati ogni anno 47 casi di morte prematura, 281 casi di ricoveri ospedalieri per tumori e 2.702 ricoveri ospedalieri per tutte le cause. Il beneficio netto ammonta a 3,6 miliardi di euro per il sito di Priolo e 6,6 miliardi di euro per il sito di Gela, cifre ben distanti dai fondi allocati fino ad oggi per le bonifiche, pari a 774,5 milioni di euro per il sito di Priolo e 127,4 milioni di euro per il sito di Gela”.

La ricerca, precisa però Fabrizio Bianchi, dirigente di ricerca di Ifc-Cnr, “non intende monetizzare il rischio e tanto meno il danno alla salute, ma fornire stime economiche basate su dati epidemiologici per definire piani di bonifica di lungo respiro e adeguatamente finanziati che, oltre a rappresentare un beneficio netto per l’ambiente e la salute, potrebbero dare sbocchi positivi sul piano dello sviluppo tecnologico ed occupazionale”.

Già nel 1998, ricordano gli scienziati del Cnr in una nota, le due aree furono dichiarate ad alto rischio per il consistente tasso di inquinamento, ed inserite nella lista dei primi 15 Siti di interesse nazionale per le bonifiche (Sin), ma non si è ancora giunti a un’operazione di risanamento vera a propria. Con questo nuovo studio, Bianchi e Liliana Cori del Cnr, e John Cairns e Carla Guerriero della London School hanno applicato modelli analitici per quantificare i risparmi economici nel settore sanitario che si potrebbero ottenere investendo in bonifiche dei siti contaminati.

Gli eventi negativi di salute presi in considerazione sono stati stimati attribuendo all’inquinamento ambientale i decessi e i ricoveri ospedalieri (per cause tumorali e non tumorali) che risultano in eccesso rispetto a quanto osservato nei Comuni limitrofi alle aree di bonifica (dati pubblicati dall’Osservatorio epidemiologico della Regione Sicilia). Il valore monetario dei decessi e dei ricoveri è stato assegnato con due diversi approcci: il costo di malattia, che considera i costi sanitari diretti e la perdita di produttività, e il cosiddetto metodo della disponibilità a pagare, ‘willingness to pay’, che misura quanto gli individui sono disposti a pagare per avere una riduzione del rischio di mortalità e malattie. Questo metodo include i costi non materiali come ad esempio il dolore, la paura e lo stress.

La conseguente analisi costi-benefici, assumendo che gli effetti dell’inquinamento terminino 20 anni dopo la bonifica e che gli effetti positivi durino 50 anni, produce una cifra definita indicatore di beneficio netto, che tiene conto dei risparmi in cure e sofferenze (evitando il verificarsi dei decessi e dei ricoveri in eccesso) e dei costi fino ad oggi stimati per le bonifiche.

Fonte: ADNKRONOS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.