Lanciati 2 bandi per il recupero dei Borghi abbandonati del territorio Siciliano

di Giuseppe Consiglio

Fondazione Sicilia sostiene il recupero e la rigenerazione del territorio siciliano e dedica una particolare attenzione alla valorizzazione dei borghi abbandonati dell’Isola. Il territorio della Sicilia ne è ricchissimo. Si tratta, spesso, di insediamenti dall’inestimabile valore storico-culturale la cui conservazione e tutela, rappresenta un’assoluta priorità per la preservazione del patrimonio identitario siciliano.

L’individuazione e l’elaborazione di percorsi e progetti di rivitalizzazione di questi insediamenti, sia preservandone la forma corrente e la destinazione originaria, sia concependo nuove finalità per il loro utilizzo, sono oggetto del primo dei due bandi proposti dalla Fondazione. Scopo dell’iniziativa, è quello di stimolare la riflessione sul tema del recupero dei borghi spopolati. La Fondazione selezionerà le idee progettuali migliori, ne sosterrà il percorso di implementazione e curerà la promozione di quelle ritenute particolarmente meritevoli. Le risorse da assegnare con il primo bando ammontano complessivamente a € 100.000,00. Le proposte progettuali possono esser presentate da un’Università o da un Ente di ricerca pubblico. Costituisce titolo preferenziale la stipula di un accordo di partenariato con l’amministrazione comunale di riferimento in cui insiste il borgo individuato per il progetto. Sarà valutato positivamente il coinvolgimento di altri soggetti partner, con una particolare attenzione per le associazioni territoriali che si occupano di promozione e tutela del territorio e di soggetti for profit. I soggetti partner possono essere esclusivamente “partner sostenitori”, e potranno contribuire alla realizzazione del progetto attraverso risorse umane, materiali o economiche a titolo di cofinanziamento o attraverso la partecipazione attiva alle azioni progettuali. Il Soggetto Responsabile potrà presentare un unico progetto, pena l’inammissibilità di tutti i progetti inviati. Le proposte potranno riguardare tutto il territorio siciliano, purché i borghi oggetto dell’intervento non ricadano nell’ambito di pertinenza di un capoluogo di provincia. I progetti dovranno riguardare studi di fattibilità per il recupero di borghi siciliani abbandonati, totalmente o parzialmente, di interesse storico e culturale.

Il secondo bando è rivolto alle Amministrazioni Comunali, invitate a presentare proposte progettuali per il recupero ed il restauro di beni culturali, così come definiti dal codice dei beni culturali (D.Lgs. 42/2004), ubicati in borghi abbandonati o scarsamente popolati. Le risorse da assegnare nel quadro del secondo bando ammontano complessivamente a € 50.000. I progetti devono essere presentati da un’Amministrazione Comunale nella quale insiste il bene da restaurare o conservare. Anche per questo bando sarà valutato positivamente il coinvolgimento di altri soggetti partner.

I progetti dovranno essere presentati esclusivamente mediante compilazione integrale di tutti gli allegati disponibili sul sito della Fondazione Sicilia nella sezione “Bandi” ed essere inviati in cartaceo e in originale a mezzo posta raccomandata, unitamente ad una copia in formato digitale di tutta la documentazione prodotta. Le domande di partecipazione ai bandi dovranno essere indirizzate a: Fondazione Sicilia, Largo Gae Aulenti, 2 – 90133 Palermo. La scadenza è fissata per il 17 giugno 2019.