Workshop Progetti Ue “Naturnet Plus” e “Sdi-Edu”

Il mondo della politica e quello della scuola hanno salutato favorevolmente i risultati conseguiti nei Comuni di Alì Terme e Nizza di Sicilia attraverso i Progetti dell’Unione Europea “NaturNet Plus” e “SDI-Edu”, cui hanno rispettivamente aderito le due municipalità affidandosi alla competenza dell’ing. Nino Paternò, esperto in politiche comunitarie e di sviluppo. Gli esiti dei due Programmi Ue, giunti alla fase conclusiva dopo un biennio di intenso lavoro, sono stati ufficialmente illustrati ai sindaci Lorenzo Grasso (Alì Terme) e Giuseppe Di Tommaso (Nizza di Sicilia) nel corso di un apposito workshop ospitato nel salone-refettorio della Scuola Primaria “S. Giovanni Bosco” del Comune nizzardo, messo gentilmente a disposizione dalla dirigente scolastica Laura Tringali.

Come hanno sottolineato l’ing. Alessandro Distefano e l’esperto informatico Arturo La Spada, Alì Terme e Nizza di Sicilia, aderendo a questi Progetti insieme ad altri partner di tutta Europa (enti pubblici, università, centri di ricerca, aziende private, ecc.), sono tra i pochi Comuni siciliani ad essere entrati in un circuito virtuoso di modernità e di importanti possibilità promozionali.


«Tramite “SDI-Edu” – ha spiegato Distefano – si è adottato un “linguaggio comune” che consente alle pubbliche amministrazioni, ai tecnici ed ai singoli cittadini di avere a che fare con un sistema unitario di mappature ed elaborazioni grafiche territoriali; un ulteriore e significativo passo in avanti, dunque, nell’abbattimento delle barriere che ancora sussistono tra i vari Paesi d’Europa. Con “NaturNet Plus”, invece, sono stati messi a punto degli strumenti informatici, comodamente utilizzabili da chiunque tramite Internet, volti a favorire ogni forma di sviluppo sostenibile (con particolare riferimento al turismo) ed a prevedere agevolmente l’impatto di qualsiasi intervento umano sull’ambiente. Il tutto nell’ambito di quanto richiesto dalla Direttiva “Inspire” del 2006».

La Spada si è, invece, soffermato sull’attività di inserimento, da lui personalmente curata, delle cartografie dei due Comuni nell’innovativo portale Web “Open Street Map”, che si caratterizza per la capillarità di dati ed informazioni geospaziali in grado di attirare i turisti e di valorizzare determinati angoli di territorio.

Tale lavoro, come ha preannunciato la preside Laura Tringali, potrà essere proseguito ed ulteriormente perfezionato dagli alunni dell’istituto scolastico “S. Giovanni Bosco” di Nizza di Sicilia, e ciò ha ricevuto il plauso del sindaco Giuseppe Di Tommaso, il quale ha sottolineato la necessità che proprio il mondo della scuola si avvicini alle iniziative europee per fornire ai giovani un’adeguata preparazione nell’affrontare le “sfide” di una società sempre più evoluta e complessa.

Dal canto suo, il primo cittadino di Alì Terme, Lorenzo Grasso, si è dichiarato «fiero di aver “sposato” tali politiche comunitarie, che ai nostri Comuni sempre più in difficoltà consentono di avere ancora qualche possibilità di sviluppo socioeconomico e culturale».

Intanto, dal 29 al 31 agosto prossimi, saranno proprio i Comuni di Alì Terme e Nizza di Sicilia ad ospitare il meeting internazionale conclusivo dei Progetti “NaturNet Plus” e “SDI-Edu”: per l’occasione, le strutture turistico-ricettive delle due municipalità accoglieranno oltre cinquanta tecnici ed esperti provenienti da tutta Europa che, dopo i lavori mattutini e pomeridiani, si recheranno in visita nei luoghi più suggestivi del comprensorio jonico messinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.