Earth Hour 2012: tutti al buio per l’ambiente

Il mondo al buio per un’ora: un segno concreto sulla strada della sostenibilità del Pianeta. L’iniziativa Earth Hour 2012 invita a spegnere, mercoledì 31 marzo dalle ore 20.30 alle 21.30, le luci in molte città, monumenti e luoghi-simbolo del mondo. Il FAI aderisce al grande evento globale del WWF per il clima, che coinvolge concretamente cittadini, istituzioni e imprese, spegnendo le luci dei suoi Beni più importanti.

Il Castello di Avio, il Castello della Manta, il Monastero di Torba, Parco Villa Gregoriana, Villa del Balbianello, Villa Panza e Villa dei Vescovi, saranno uniti da un comune senso ecosostenibile al Palazzo Ducale di Venezia, Palazzo Vecchio a Firenze, il Pirellone a Milano, e il Duomo di Santa Maria Assunta a Napoli, oltre al resto del mondo. Tanti angoli del Pianeta collegati in un unico abbraccio globale grazie a questa iniziativa che, nel tempo, ha raggiunto sempre più consensi, raccogliendo grande entusiasmo intorno a sé: nel 2011, infatti, sono stati coinvolti attivamente quasi 2 miliardi di persone, 5.200 città e centinaia di imprese e organizzazioni in 135 Nazioni.


Nuova sfida per il futuro dell’umanità è rendere sostenibili le città e ridurre il nostro impatto sull’ambiente. Dal 2007, infatti, la maggioranza degli abitanti del Pianeta vive nelle città, fra questi l’80% è in Europa: i sistemi urbani consumano la gran parte delle risorse naturali ed emettono la maggior quantità delle emissioni che provocano il cambiamento climatico. Il WWF invita a reinventarsi candidandosi, entro il 29 febbraio 2012, a capitale sostenibile di Earth Hour 2012, permettendo così, inoltre, ai nostri comuni di confrontarsi con città straniere, tutti impegnati nella medesima sfida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.