Troppi chicchirichì, la procura “deporta” 40 galletti


Non e’ bastata un’ordinanza del sindaco per ‘zittire’ un piccolo esercito di galletti canterini, cosi’ il problema l’ha risolto la procura di Treviso che ha fatto ‘deportare’ i pennuti, denunciando l’allevatrice. Accade a Zero Branco, comune ad una decina di chilometri dal capoluogo della Marca noto nel Veneto per la ‘Sagra del Peperone’ e ora per questa lite tra l’allevatrice e i residenti. Questi ultimi, come riferisce La Tribuna, stanchi degli ‘acuti’ a tutte le ore hanno tentato tutte le strade per difendersi dall’invasione sonora molesta.

Sperare in un’afonia generale era pura utopia e quindi contro i chiricchichi’ dell’allevamento i vicini di casa sono partiti lancia in resta contro l’azienda, affidando poi la patata bollente al sindaco. Il quale ha emesso un’ordinanza con la quale intimava alla proprietaria di far ‘sparire’ tutti i galletti, tranne due. Provvedimento totalmente ignorato dall’avicoltrice che ha continuato a fare scorazzare per il cortile i suoi animali, lasciandoli al libero sfogo canterino.

L’estate, con le finestre aperte, il ‘coro’ insistente e ipnotico di giorno e di notte e’ diventato cosi’ insostenibile, tale da spingere i residenti a inviare una denuncia dietro l’altra alla Procura. Che, analizzata la questione, ha emesso il provvedimento di sequestro preventivo dei volatili al quale si sono poi occupati polizia provinciale, polizia locale e carabinieri. Ma nel cortile, al momento del blitz, all’appello c’erano 40 ‘indagati’, gli altri cinquanta s’erano gia’ dati alla macchia.

Fonte: Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.