Etna situazione all’1 Aprile 2012

[stream provider=youtube flv=http%3A//www.youtube.com/watch%3Fv%3DAS4SIZWz_wg img=x:/img.youtube.com/vi/AS4SIZWz_wg/0.jpg embed=true share=true width=580 height=325 dock=true controlbar=over bandwidth=high autostart=true /]

1 Aprile 2012. Dalle 9:51 di oggi, le reti di monitoraggio della sezione di Catania dell’Ingv – Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia hanno registrato la fine dell’attività vulcanica iniziata il 30 marzo dal nuovo cratere di Sud Est dell’Etna.

Sulla base degli ultimi dati del Centro Funzionale Centrale per il Rischio Vulcanico del Dipartimento della Protezione Civile, permane un avviso di “criticità moderata” per l’area sommitale del vulcano mentre nelle aree del medio versante, pedemontana e urbana la criticità è assente.

L’attività eruttiva di tipo stromboliano si era intensificata a partire dalle 04:04 di questa mattina, e si era evoluta in fontana di lava, generando una colata di lava che si era diretta verso la Valle del Bove. Successivamente, dalle 05:30, è stata registrata la fine dell’attività di fontana di lava con il graduale passaggio ad attività stromboliana e con il persistere dell’emissione di cenere e dell’avanzamento della colata lungo la parete occidentale della Valle del Bove.

Alle ore 9:51 l’Ingv di Catania ha comunicato la fine dell’attività eruttiva.

Il Prefetto di Catania ha rinnovato l’ordinanza che proroga al 30 aprile 2012 il divieto di accesso al vulcano sul versante Sud oltre quota 2.920 metri, in prossimità della Torre del Filosofo, e sul versante Nord oltre quota 2990 metri, in prossimità di Punta Lucia.

La frequenza delle attività eruttive 2012

I – 5 Gennaio 2012
II – 9 Febbraio 2012
III – 4 Marzo 2012
IV – 18 Marzo 2012
V – 01 Aprile 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.