Enoteca Italiana presenta l’Atlante dei territori del vino italiano

enoteca italianaComposta da due volumi e promossa dal Ministero con la collaborazione dell’ente vini introduce come novità assoluta il concetto di macroaree, L’Atlante dei territori del vino italiani, prima nel panorama editoriale italiano, è stato presentato con successo il 29 ottobre presso la Sala Cavour del Palazzo dell’Agricoltura a Roma.

Un viaggio affascinante che ricostruisce il profilo di “Enotria” attraverso un apparato cartografico di alto valore, con riferimenti storici, economici e legislativi. Tutto questo ma non solo: è diviso in macroaree, il volume, mette in evidenza le caratteristiche geografiche, geologiche e pedo-climatiche di un dato luogo che, tutte insieme, contribuiscono all’unicità di un determinato vino in un determinato luogo.

A presentarlo insieme a Fabio Carlesi Segretario generale di Enoteca Italiana Nunzia De Girolamo Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali.

L’opera, composta da due volumi e promossa dal Ministero con la collaborazione di Enoteca Italiana, rappresenta uno strumento innovativo per il mondo vitivinicolo italiano, un punto di riferimento per i produttori, gli studiosi e le Amministrazioni e anche per tutti gli appassionati, e, testimonia la complessa identità e il ricco valore di tutti i territori del vino.

Composta da 20 capitoli regionali, organizzati attorno a 92 macroaree, l’opera ha un doppio ruolo: scientifico e commerciale proprio per l’utile supporto che dà alla promozione del vino, prodotto fondamentale per l’economia italiana.

L’Atlante dei territori del vino italiano

Due volumi, 864 pagine (1° volume: 384 pagine – 2° volume 480 pagine)

 

Le aree sono 5:

  • a) La cartografia e le immagini dell’IGM. Duecentoventisette carte complessive di cui: 20 regionali prospettiche, 20 regionali introduttive, 140 per le 92 aree individuate, 47 aree a Docg. Ventinove ortofoto (foto aeree georefenziate)
  • b) La cartografia, le tabelle e le schede pedologiche del CRA ABP Firenze. Duecentotrentadue carte complessive di cui: 20 regionali dei distretti di terre viticole, 92 delle macroaree, 120 climatiche (6 per ciascuna regione). Centoventinove tabelle relative alle caratteristiche di alcuni suoli. Venti schede pedologiche di suoli rappresentativi regionali.
  • c) Trecentodiciasette foto di paesaggi e vitigni
  • d) Tabelle economiche relative al sistema produttivo delle singole regioni e di 33 macroaree scelte
  • e) Tabelle relative alle Dop e Igp

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.