Tartufi in Abruzzo una legge su raccolta

tartufiEcco alcune novità della nuova Legge per la tutela, la valorizzazione e la commercializzazione del tartufo in Abruzzo, a 24 anni di distanza dall’ultimo provvedimento regionale risalente al 1988.

Si potranno raccogliere e commercializzare per il consumo tartufi appartenenti a sette specie distinte mentre si assicura una maggiore flessibilità attraverso la chiusura di parte del territorio regionale alla raccolta, la variazione del calendario e delle quantità di raccolta giornaliere per esigenze legate alla tutela e all’incremento del patrimonio tartuficolo.

La tecnica di raccolta rimane pressoché invariata, viene eliminato l’uso dello zappetto, rimane solo l’uso del vanghello mentre la validità del tesserino passa da 6 a 10 anni. Da segnalare una variazione importante rispetto alle norme in vigore relativamente alla tassa di concessione regionale che, a fronte dell’aumento previsto, destina il 50 per cento delle entrate ad attività inerenti la ricerca, sperimentazione, tutela e valorizzazione del tartufo istituendo, a tal proposito, uno specifico capitolo di spesa.

Un altro importante aspetto innovativo della nuova legge è rappresentato dall’identificazione delle “Zone geografiche di raccolta e produzione”, possibile perché la Regione Abruzzo dispone della “Cartografia delle aree vocate”.

Inoltre, la Giunta Regionale ha la possibilità di promuovere l’istituzione di un marchio di qualità del tartufo abruzzese e sostenere tutte le iniziative orientate alla promozione del prodotto: ricerca, sperimentazione, tutela, percorsi gastronomici dedicati.

1 commento

  1. Vorrei porre un quesito nell ultimo anno 2013 si sono verificate alcune chisure comunali solo ai residenti,perché la regione Abruzzo non chiude solo ai residenti regionali?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.