Ogm: presto saremo 7 miliardi, scienziati divisi su strategie

Per lo sviluppo sostenibile e per sfamare un pianeta che a ottobre raggiungera’, secondo stime Onu, quota sette miliardi di abitanti ”dobbiamo utilizzare tutte le strategie offerte dalle biotecnologie. Favorendo da una parte l’innovazione come strategia per i piccoli agricoltori e ristrutturando, dall’altra, i sistemi produttivi. Sia quindi piu’ agricoltura moderna, che riforme; una cosa non puo’ escludere le altre”. Lo ha affermato Klaus Ammann, professore emerito in Biodiversita’ presso l’Università di Berna, al seminario via web, tenutosi a Milano, sul tema ‘Le biotecnologie oltre gli Ogm’, promosso da Barilla Center for Food and Nutrition (Bcfn). La sfida alla fame del mondo, a giudizio di Ammann, sta ”nel combinare le tecnologie moderne con l’agro-ecologia. Senza essere troppo ansiosi sugli Ogm, laddove e’ la selezione convenzionale ad essere finora costata molto”. Tuttavia, ha osservato il direttore della Foundation on Future Farming e direttore di Save Our Seeds Benedikt Haerlin, ”non abbiamo bisogno di innovazioni calate dall’alto, anche perche’ risultano nel tempo inefficaci se non dannose. Come i ‘deserti verdi’ in Argentina dove le colture di soia Ogm attirano insetti ‘cattivi’ con cicli di pesticidi che – ha sottolineato – sarebbero legati alle monoculture, e hanno fallito. Ci sono insetti sempre piu’ resistenti, e pesticidi sempre piu’ diffusi. E gli Ogm – secondo Haerlin – per il cotone hanno offerto solo soluzioni provvisorie a piccole parti del problema. Mentre sono a portata di mano soluzioni sostenibili. Con le attuali biotecnologie – ha detto – si puo’ raddoppiare la resa delle sementi, ma occorrono piu’ investimenti in ricerca e disseminazione. E bene fanno i consumatori che guardano con attenzione alle etichette degli alimenti. Anche se non c’e’ trasparenza al 100%, e l’unica speranza e’ che la mucca da cui proviene la bistecca sul piatto sia stata nutrita con erba europea”.

Fonte: Ansa

[facebook_ilike]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.