Mante a rischio, colpa medicina cinese

Dopo gli squali, anche le mante sono entrate a far parte della categoria dei grandi pesci in via di estinzione. Lo afferma un rapporto dell’Ong Shark Savers, secondo cui la popolazione di questa specie sta diminuendo a causa dell’uso sempre piu’ diffuso delle branchie di manta in medicina cinese.

Secondo il documento il mercato delle branchie, concentrato in alcune regioni della Cina, vale 11 milioni di dollari l’anno, trainato dalla convinzione che queste parti delle mante stimolino il sistema immunitario e possano guarire una serie di malattie che vanno dai problemi di fertilita’ ad alcuni tipi di cancro: ”In alcune zone come il mare di Cortez la manta e’ praticamente scomparsa – si legge nel rapporto – e una forte pressione si registra in diversi stati asiatici come Sri Lanka, India e Indonesia. Questi animali hanno imboccato la stessa strada verso l’estinzione degli squali”.

La manta, spiegano gli esperti, e’ uno degli animali piu’ svantaggiati e meno equipaggiati nella lotta contro la pressione della pesca, perche’ impiega 10 anni a raggiungere la maturita’ sessuale e una femmina partorisce un singolo piccolo ogni due o tre anni: ”Anche se le branchie hanno un valore, il loro commercio deruba le economie e l’ambiente di una delle creature piu’ carismatiche dell’oceano – spiega Shawn Heinrichs, che ha diretto il team che ha realizzato il rapporto – ogni esemplare puo’ far guadagnare un milione di dollari l’anno grazie all’ecoturismo”.

Fonte: Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.