Transito Venere – Sole quando, dove e come vedere

Tra la mezzanotte e l’alba di mercoledì 6 giugno Venere transiterà davanti al Sole. Un evento astronomico imperdibile, considerando che il prossimo transito di Venere avverrà tra 105 anni, l’11 dicembre 2117.

[stream provider=youtube flv=http%3A//www.youtube.com/watch%3Fv%3Dq9jEQLscn1c%26feature%3Drelated img=x:/img.youtube.com/vi/q9jEQLscn1c/0.jpg embed=true share=true width=560 height=314 dock=true controlbar=over bandwidth=high autostart=true /]
da youtube transito Venere sul Sole 8 Giugno 2004

Venere, spiega l’Isituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), sfilera’ lentamente davanti al Sole, compiendo il tragitto in circa 6 ore e 40 minuti. Il fenomeno, è dovuto al perfetto allineamento fra Sole, Venere e Terra. Poichè le orbite dei due pianeti attorno alla nostra stella sono leggermente inclinate l’una rispetto all’altra, si tratta di un fenomeno molto raro che si verifica ogni volta a distanza di circa cento anni e in coppie distanziate di pochi anni fra loro. L’ultima volta che Venere ha eclissato il Sole risale all’8 giugno 2004.

Un’occasione unica dunque, visibile da sette continenti, ma che dall’Italia sara’ osservabile solo quando il fenomeno sarà già in corso. ”Le fasi finali del transito osservabili dall’Italia – spiega l’Unione Astrofili Italiani (Uai) – si verificano quando il Sole è ancora molto basso sull’orizzonte orientale. Sono quindi favorite le localita’ a Est. Sulla costa adriatica infatti l’orizzonte è libero da ostacoli ed è possibile seguire tutte le fasi del sorgere del Sole”.

Attenzione, pero’, avverte l’Inaf, l’osservazione richiede cautela: è fondamentale osservare il Sole mai direttamente, ma solo attraverso vetri protettivi specifici altrimenti si rischiano serie conseguenze per gli occhi.

Il transito di Venere, sarà anche un’occasione unica per gli astronomi per studiare l’atmosfera del pianeta e per affinare le tecniche utilizzate per studiare e scoprire i pianeti extrasolari molti dei quali vengono scoperti proprio quando transitano davanti alle loro stelle. ”Poter assistere al transito di Venere ci permette di verificare la tecnica dei transiti da vicino, all’interno del nostro Sistema solare, offrendoci così l’opportunità di un test straordinario” spiega Giuseppe Piccioni, dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali (Iaps) dell’Inaf, che è anche a capo di una spedizione artica diretta alle Isole Svalbard, dedicata all’osservazione del transito di Venere.

Del transito di Venere in Italia potremo vedere solo l’ultima fase, quando Venere uscirà dal disco solare, Trieste, la città in cui sorgerà prima il sole sarà visibile a partire dalle ore 05:17, per ultima Cagliari dalle 05:57.

Alle 06:55 Venere avrà concluso il transito sul Sole.

Ora visibilità in alcune città

  • 05:17 – Trieste
  • 05:20 – Pescara
  • 05:20 – Bari
  • 05:25 – Padova
  • 05:32 – Napoli
  • 05:34 – Firenze
  • 05:35 – Roma
  • 05:35 – Reggio Calabria
  • 05:36 – Milano
  • 05:43 – Torino
  • 05:44 – Palermo
  • 05:57 – Cagliari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.