Pasqua: più agriturismo, meno partenze estero

Il 18% degli italiani partirà quest’anno per le vacanze di Pasqua: è quanto emerge da un sondaggio condotto a marzo su oltre 4600 utenti, da Agriturismo.it, in collaborazione con il sito Travelfool.it. Il dato che fa ben sperare e resta invariato rispetto a quello registrato dall’Osservatorio Nazionale del Turismo nel 2011 e nel 2010.

Dai dati emerge che l’ agriturismo è l’unica struttura ricettiva a crescere nonostante la crisi. La conferma arriva dal sondaggio di una associazione dei consumatori che indica l’agriturismo come luogo per l’accoglienza preferito, con un incremento delle presenze del 3%. Fra le forme di accoglienza, secondo il sondaggio, il 28% degli intervistati soggiornerà in agriturismo.

A seguire l’ hotel (26%), il bed&breakfast (13%), la casa di proprietà o di amici (12%) e in affitto (10%). L’agriturismo cresce anche grazie a un calo del 8%, rispetto al 2010, delle destinazioni estere, in favore delle mete italiane. In testa la Toscana (10%), il Trentino (4%) e la Puglia (4%) seguite da Umbria e Sicilia. Gli agriturismi, inoltre, spesso offrono sistemazioni convenienti: una camera doppia in agriturismo con prima colazione costa in media 80 euro, contro i 105 euro del costo medio in hotel, dato emerso da una recente indagine di un portale del settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.