Il pinguino Happy Feet, sta per tornare a casa

Riprende oggi finalmente la strada di casa, a bordo di una nave di ricerca neozelandese, il giovane pinguino imperatore divenuto famoso nel mondo dopo aver ‘perso la strada’ finendo per arenarsi due mesi fa su una spiaggia della Nuova Zelanda, a più di 3.000 chilometri dall’Antartide.

Oggi Happy Feet (il soprannome ispirato dal noto film su un pinguino ballerino) è stato caricato sulla nave Tangaroa e resterà comodamente a bordo in una gabbia refrigerata per quattro giorni, prima di essere liberato in oceano presso Campbell Island, una remota isola subantartica 630 km a sud della Nuova Zelanda, molto frequentata dai suoi simili. Ieri circa 1700 persone, fra cui centinaia di bambini vestiti in bianco e nero, si sono date convegno per salutarlo nello zoo di Wellington, dove era ospitato dopo un’operazione per rimuovere la sabbia che aveva ingerito credendola ghiaccio.

Il pinguino, che ha 3 anni, verrà liberato con un trasmettitore GPS attraverso cui sarà possibile, collegandosi al sito web http://www.ourfarsouth.org/Track-Happy-Feet.aspx, monitorare i suoi spostamenti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.