Con la crisi boom calvizie, in arrivo nuove terapie

calvizieCon la crisi aumenta la calvizie, lo stress e i suoi sintomi psicosomatici sono tra i peggiori nemici dei nostri capelli. Soprattutto la calvizie ha avuto una maggiore incidenza con un aumento stimato intorno al 16%.

Da qui un maggiore ricorso a trattamenti e a interventi per arginare il problema. E, in tempi di crisi, si deve guardare oltre che all’efficacia anche al portafogli.

Per questo e’ in sensibile aumento, di circa il 22%, la richiesta del cosiddetto trattamento PRP, con le piastrine, al posto del piu’ costoso e invasivo trapianto.

A rivelare i dati e’ l”IHRF, fondazione di ricerca per la patologia sui capelli”, presieduta dal Dott. Fabio Rinaldi, docente presso La Sorbona e dermatologo a Milano. Durante il “2° Congresso Internazionale di Dermatologia sull’uso di fattori di crescita, terapia cellulare e plasma ricco di piastrine”, tenutosi a Milano, sono stati analizzati gli effetti dello stress da disoccupazione e l’impatto dell’impoverimento collettivo sulle nostre teste.

Un’indagine condotta a partire dall’inizio dello scorso anno ad oggi, con la collaborazione di 100 dermatologi, ha rilevato come la crisi abbia impattato duramente sia sui portafogli degli italiani sia sul loro derma e sui loro capelli.

E’ noto che lo stress gia’ di per se’ favorisca la comparsa di molte malattie della pelle come la dermatite seborroica, la psoriasi, l’alopecia areata e la perdita dei capelli. Lo specifico stress dovuto alla crisi economica e alla perdita o alla ricerca spasmodica del lavoro o, piu’ in generale, alla condizione di instabilita’ della societa’ in generale altera ancora di piu’ le risposte del corpo e le difese immunitarie.

Nello specifico la ricerca, prendendo in esame un campione di circa 500 pazienti adulti che hanno subito la perdita del lavoro, la riduzione dello stipendio o la cassa integrazione (64% donne, 36% uomini, di eta’ compresa tra i 30 e i 60 anni), ha evidenziato la prima comparsa di chiazze di alopecia areata nel 5% dei soggetti (la media normale e’ del 2%), una caduta importante e cronica dei capelli (defluvium telogenico) nel 46% dei casi (la media e’ del 20%), dermatite seborroica e psoriasi nel 15% (media 2-3%), prurito diffuso nel 31% (media 3%) e l’insorgere del lichen ruber planus (una malattia cutanea di origine autoimmune che colpisce di solito l’1% della popolazione) ben nel 3% dei pazienti studiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.