Vino e turismo: la Toscana punta sul lusso

castello di vicchiomaggio

La Toscana, considerata la miglior destinazione europea per milioni di amanti del vino di tutto il mondo, scommette nel connubio vino e turismo di lusso.

Un primato, quello toscano, che poggia le basi su un’offerta enologica di altissimo livello, a cui fa da contraltare un sistema ricettivo di assoluto pregio.

Sono infatti 65 i Wine Resort presenti sul territorio regionale e – secondo una recente mappatura realizzata dal Centro Studi Turistici su commissione di Toscana Promozione – ben 15 rientrano nella categoria extra lusso e 50 in quella lusso. Numeri che fanno della Toscana una delle aree piu’ importanti al mondo per il turismo luxury legato al vino.

Tra le destinazioni piu’ esclusive del turismo del vino toscano e italiano vi sono il Castello di Vicchiomaggio, Il Borro, Castello Banfi, Tenimenti d’Alessandro, Fattoria del Cerro, Borgo San Felice, Castello del Terriccio, Castiglion del Bosco e Azienda Agricola Dievole.Il turismo del vino vale oggi, in Italia, 5 miliardi di euro.

I flussi turistici, nell’87% dei casi, provengono dall’estero e principalmente: il 20% dalla Germania, l’8% dagli Stati Uniti e un 2% da Paesi orientali. Numeri gia’ significativi ma che, secondo gli esperti, rappresentano solo il 20% delle potenzialita’ di questo segmento d’offerta.

notizie correlate:

Enoturismo, al via "Il circuito di Bacco nelle cantine di Venere"
Vinoforum, per gli amanti del buon vino
Terremoto tra Toscana ed Emilia
Vino: in Trentino brevetto per togliere "gusto di tappo"
Jeio noSO2 spumante senza anedride solforosa aggiunta