Olio extravergine, ai fornelli è uno spreco

olio extravergine

Utilizzare l’olio extravergine d’oliva in cucina ai fornelli potrebbe rivelarsi una inutile perdita di soldi. Il prezioso “oro giallo”, infatti, ha un costo superiore ai sostituti, come l’olio di semi di girasole o quello vegetale ma anche l’olio d’oliva semplice, anche perchè contiene molti più antiossidanti che fanno bene alla salute e componenti bioattive, come i composti fenolici, grazie ai quali si previene il rischio di cancro e di altre malattie, ma una volta cotto perde queste qualità che lo rendono differente, diventando salutare quanto gli altri oli.

E’ quanto emerge da una ricerca dell’Università di Porto pubblicata sulla rivista Food Research International.

Secondo i ricercatori, in sostanza, ogni tipo di cottura produce perdita di qualità dell’olio extravergine d’oliva: in particolare a venire meno e’ la funzione protettiva per la salute dei composti fenolici.

Per questo, e’ la conclusione degli studiosi, una scelta economicamente più vantaggiosa può essere quella di preferire, quando si cucina, l’olio d’oliva semplice al posto della varietà extravergine, visto che nel processo di riscaldamento quest’ultimo subisce un peggioramento.

notizie correlate:

OLIO: In Europa cresce domanda prodotto alta qualità con progetto Mipaaf, UE e Unaprol
Aperte 100 botteghe di Campagna Amica
Indagine: muffe in 4 bottiglie su 10 di olio venduto
Come difendere l’olio extravergine made in Italy
New York Times si corregge su extravergine italiano