Maltempo: come aiutare gli animali

pettirosso

L’ondata di maltempo in corso sta mettendo a dura prova gli animali, soprattutto i selvatici e i randagi, che devono fare i conti anche con l’incremento del fabbisogno calorico. I più colpiti sono gli uccelli, che non riescono a trovare cibo a sufficienza. Lo spiega l’Ente nazionale protezione animali, che pubblica un vademecum per aiutare gli animali a superare la stagione fredda.

Gli animali d’affezione vanno tenuti in casa o in luoghi riparati. Durante le passeggiate non devono permanere a lungo su neve e ghiaccio per evitare principi di assideramento, e se si bagnano devono essere asciugati. Occorre poi evitare gli sbalzi di temperatura e portare gli animali dal veterinario se starnutiscono frequentemente o se si nota una variazione della loro temperatura corporea.

Per aiutare gli uccelli, è bene lasciare in giardino o sul balcone due ciotoline d’acqua tiepida e pulita: una per bere, l’altra per bagnarsi. Se si installa una mangiatoia, va rifornita di cibo fino a primavera per non far perdere agli uccelli un punto di riferimento. Tra gli alimenti più indicati ci sono arachidi non salate, semi di girasole e di zucca, fiocchi di cereali e croste di formaggio tagliate a cubetti. Da evitare, invece, i prodotti da forno come pane e dolci.

Se si ritrova un animale selvatico in difficoltà, infine, occorre contattare sempre polizia provinciale Forestale.