Il caldo fa crollare la produzione di vino

L’Italia perde il primato mondiale nella produzione di vino per effetto del caldo torrido di fine estate e la prolungata assenza di pioggia che hanno tagliato drasticamente le stime per la vendemmia 2011 al minimo storico di 42 milioni di ettolitri, oltre il 10 per cento in meno rispetto allo scorso anno. E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base  dei dati Ismea nel sottolineare che per effetto dell’andamento meteorologico si è peraltro praticamente già conclusa  la vendemmia per le uve bianche destinate agli spumanti che nel passato si iniziavano a vendemmiare proprio in questo periodo. La produzione di vino nel 2011 sembra dunque destinata – sottolinea la Coldiretti – a raggiungere il livello piu’ basso di sempre, addirittura inferiore ai 42,5 milioni di ettolitri del 2007. La produzione è in calo in tutte le regioni con punte del 20 per cento in Sicilia e Basilicata mentre sembra aumentare solo in Valle d’Aosta, Liguria e Sardegna.

Si tratta del risultato – precisa la Coldiretti – del tempo anomalo di settembre, dopo un agosto che si è classificato al decimo posto tra i piu’ caldi degli ultimi duecento anni e che inoltre con il 73 per cento di precipitazioni in meno rispetto alla media si attesta all’ottavo posto tra i mesi più asciutti dal 1800.


Se da punto di vista quantitativo l’Italia è destinata a perdere abbondantemente il primato mondiale della produzione a vantaggio della Francia dove si stima – sottolinea la Coldiretti – una vendemmia sui 47,9 milioni di ettolitri, le previsioni sono molto incoraggianti dal punto di vista qualitativo grazie in generale ad una buona condizione delle uve. Il 60 per cento della produzione nazionale è destinata – precisa la Coldiretti – a vini di qualità con ben 511 vini a denominazione di origine controllata (Doc), controllata e garantita (Docg) e a indicazione geografica tipica (332 vini Doc, 60 Docg e 119 Igt).

Una ottima premessa per il vino Made in Italy che sui mercati esteri potrebbe raggiungere proprio nel 2011 il record storico di vendite all’estero con un fatturato superiore a 4 miliardi, oltre la metà di quello totale di 8 miliardi. Le esportazioni di vino italiano infatti nonostante la crisi sono aumentate del 15 per cento nei primi cinque mesi dell’anno, sulla base dei dati Istat. L’aumento – sottolinea la Coldiretti – è il risultato di una crescita del 12 per cento nei paesi dell’Unione Europea e del 21 per cento negli Stati Uniti che sono i punti di riferimento storici. Straordinarie però – conclude la Coldiretti – sono soprattutto  le performance sui mercati emergenti come la Russia che registra un balzo del 44 per cento e la Cina dove le spedizioni di vino Made in Italy sono piu’ che raddoppiate (+126 per cento) e la domanda si è fatta economicamente consistente.

Fonte: Coldiretti

notizie correlate:

Benzina, Coldiretti: con record prezzi costa più del vino
Maltempo: da piaggia non stop estate senza siccità
Usa, nel sud luglio 2011 piu' caldo della storia
Veneto maturazione uva regolare nonostante caldo
"Derivato" su vino, interessi 18% annui