Greenpeace, troppi segreti nelle scatolette tonno


Quando un consumatore acquista una scatoletta di tonno non sa cosa compra. E’ la denuncia di Greenpeace che ha lanciato il rapporto ”I segreti del tonno.

Cosa si nasconde in una scatoletta?”, svelando ”la poca trasparenza dell’industria del tonno in scatola”. Dai dati racconti dopo l’estate, in 173 punti vendita, sulle etichette di oltre 2.000 scatolette dei marchi piu’ diffusi in Italia e’ emerso che ”nella meta’ dei casi – riferisce il rapporto di Greenpeace – non si sa che specie di tonno mangiamo ed e’ quasi sempre sconosciuta la provenienza. Solo il 7% delle scatolette indica, infatti, l’area di pesca e nel 97% delle confezioni il metodo di pesca non e’ indicato”.

”Sono trascorsi due anni dal lancio della campagna ‘Tonno in trappola’ – denuncia Giorgia Monti, responsabile della campagna Mare di Greenpeace Italia – e la situazione non e’ migliorata.

Se alcune aziende hanno aggiunto delle informazioni in piu’ sulle etichette, la maggior parte dei prodotti non offre garanzie ne’ sul tipo di tonno che portiamo in tavola, ne’ sulla sostenibilita’ dei metodi con cui e’ stato pescato. Tutto fa pensare che le aziende produttrici stiano cercando di nascondere qualcosa”. Secondo l’associazione, eccessiva, indiscriminata e spesso illegale, la pesca del tonno minaccia l’intero ecosistema marino. Cinque delle otto specie di tonno di interesse commerciale sono a rischio, compreso il tonno pinna gialla.

Spesso nelle scatolette finisce tonno pescato con metodi distruttivi che causano ogni anno la morte di migliaia di esemplari giovani di tonno, squali, mante e tartarughe marine.

Fonte: Ansa

notizie correlate:

Allarme tonno rosso, 2010 superati i limiti di pesca
Durban: le richieste di Greenpeace al ministro Clini
Pesca: SOS tonni, calati del 60% negli ultimi 50 anni
Enel chiede di oscurare un sito Greenpeace
Strage di Tartarughe marine nel Mediterraneo