Edifici ad energia quasi zero per l’EXPO 2015

Per l’Expo 2015, il Presidente della Regione Lombardia Formigoni vuole anticipare i tempi europei. Ridurre le emissioni in atmosfera di CO2, per salvaguardare l’ambiente è questione primaria per aziende, privati ed istituzioni ma spesso le buone intenzioni si arenano per la mancanza di fondi; la Regione Lombardia di cui si è fatto portavoce l’Assessore regionale all’Ambiente, Energia e Reti, Marcello Raimondi è seriamente intenzionata a concedere in modo sempre più sostanzioso risorse economiche per anticipare, al 2015, anzichè al 2020, gli standard edilizi che l’Unione europea prevede di rendere obbligatori.


Arrivare all’EXPO 2015 potendo contare su edifici a energia quasi zero è l’obiettivo che la Regione Lombardia intende perseguire, a cui concederà tutto il sostegno possibile anche il Comune di Milano, come assicurato dal l’Assessore alle Politiche per il lavoro, Sviluppo economico, Università e ricerca Cristina Tajani.

L’occasione per affrontare l’argomento efficientamento energetico si è presentata all’inaugurazione dell’edificio pilota promosso dal Politecnico di Milano, Velux Lab, il nuovo laboratorio del Politecnico di Milano dedicato alla ricerca ed alla sperimentazione nel campo dell’efficienza, della sostenibilità e del risparmio energetico realizzato presso il Campus di Milano-Bovisa.

notizie correlate:

"Il Paesaggio che unisce"
Crisi: Coldiretti, maiali assediano Borsa. Ministro convoca tavolo
La CO2 minaccia coralli e molluschi del Mediterraneo
Terremoto, violenta scossa nel Nord Magnitudo 5.3 della scala Richter
Rinascita per le Cascine metropolitane di Milano