Dai panda segreto per biocarburanti

Le feci del Panda contengono un tesoro prezioso: una fonte di batteri potenti che può trasformare le biomasse, erba, legno e rifiuti vegetali, in biocarburanti, il tutto con un processo economico e senza dover consumare vegetali utili a scopo alimentare come i cereali.

E’ il risultato di uno studio presentato al 242/imo Meeting & Exposition della American Chemical Society (ACS).

Ashli Brown della Mississippi State University ha isolato dalle feci di panda giganti (che vivono nello zoo di Memphis) un gruppo di potenti batteri digestivi che digeriscono la lignocellulosa con un’efficienza notevole. I panda mangiano bambù che contiene tantissima cellulosa, ed è per questo che il loro stomaco e’ dotato di batteri cosi’ potenti.

Isolando gli enzimi digestivi di questi ”superbatteri’ e inserendo i corrispondenti geni nel Dna di cellule di lievito si potrebbero, dunque, creare delle fabbriche cellulari di biocarburanti a basso costo usando scarti vegetali, che funzionano a bassa temperatura e pressione e quindi sono low cost.

notizie correlate:

Biodiesel da alghe marine
Il biocarburante che arriva dagli oceani
Spazio: dal 2012 i viaggi 'Low Cost'
Energia da batteri e acqua salata
Più sporchi per stare meglio