Allarme maltempo per vendemmia 2011


Con l’arrivo improvviso del maltempo e la caduta di grandine è allarme per la vendemmia che il grande caldo e la mancanza di pioggia hanno già tagliato drasticamente con una produzione stimata al minimo storico di 42 milioni di ettolitri, oltre il 10 per cento in meno rispetto allo scorso anno. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare gli effetti dell’arrivo del maltempo che con forti temporali, caduta di grandine e neve ha provocato purtroppo morti.

La vendemmia – sottolinea la Coldiretti – si è già conclusa solo per le uve bianche destinate agli spumanti ma è in pieno svolgimento per la maggioranza delle uve su tutto il territorio nazionale. La grandine è il pericolo piu’ temuto dai viticoltori in questa fase stagionale perché la caduta dei chicchi, a seconda delle dimensioni e dell’intensità, può provocare l’intera distruzione del raccolto o danneggiare i grappoli favorendo lo sviluppo di malattie che vanificano il lavoro di un intero anno nel vigneto.

Fino ad ora le condizioni delle uve sono in generale molto buone dal punto di vista qualitativo ma le rese sono basse e l’Italia è destinata a perdere abbondantemente il primato mondiale della produzione a vantaggio della Francia dove si stima – sottolinea la Coldiretti – una vendemmia sui 47,9 milioni di ettolitri.

La produzione si prevede contenuta dal punto di vista quantitativo e buona da quello qualitativo, con il 60 per cento della produzione nazionale destinata a vini di qualità con ben 511 vini a denominazione di origine controllata (Doc), controllata e garantita (Docg) e a indicazione geografica tipica (332 vini Doc, 60 Docg e 119 Igt).

Fonte: Coldiretti

notizie correlate:

Uccelli ghiotti d'uva per il caldo. -10% di grappoli
Da domani in arrivo nuova intensa perturbazione
Allerta neve: Campania
Allerta neve: Sardegna
Freddo record in Alto Adige, -22°C