L’agrifoglio porta fortuna

Narra una leggenda che nel 1600, a Roma, una giovane madre di tre bambini affetti da tosse e con febbre alta, spaventata dalla gravità della malattia, si addormentò dopo aver pianto disperatamente e sognò la Madonna che ripuliva la loro stanzetta con fasci di agrifoglio.

Si svegliò subito e corse a raccogliere fasci di quell’erba, preparò un infuso con le sue foglie e lo somministrò ai suoi figli.

Dopo dieci giorni di questa cura i suoi bambini erano guariti dalla tosse e non avevano più febbre. Questa antica leggenda è giunta fino a noi ed infatti ancora oggi dalle foglie fresche di agrifoglio (25 gr.) pestate e tenute in mezzo bicchiere di alcool per una settimana, si ottiene un vino medicinale particolarmente indicato per i febbricitanti.

I sacerdoti druidi per i quali l’agrifoglio era sacro, lo consideravano una promessa di immortalità e lo recidevano solamente per mezzo di un falcetto d’oro in quanto, secondo loro, solo il metallo più nobile ed inossidabile non avrebbe privato la pianta delle sue preziose qualità.

Attualmente è considerata una pianta augurale e si usa regalarla a Natale con la credenza che baciarsi sotto l’agrifoglio porti fortuna. E’ coltivata come pianta ornamentale da molto tempo e al giorno d’oggi il numero degli ibridi e delle varietà ha largamente superato quello della specie originale. L’agrifoglio nasce spontaneamente in quasi tutta l’Europa, nell’Africa settentrionale e nell’Asia occidentale.

E’ una pianta dioica (un piede porta i fiori maschili, un’altro porta quelli femminili) dalle foglie persistenti, dure, appena picciolate, ovali o ellittiche e dai bordi spinosi. I fiori sono bianchi e odorosi, riuniti in mazzetti all’ascella delle foglie, e sbocciano verso la fine dell’estate; in autunno la pianta femminile si copre di frutti decorativi rossi o gialli secondo la varietà.

Sempre in autunno, o all’inizio della primavera, cade il periodo della riproduzione che però si può avere anche alla fine dell’inverno tramite talea (porzione di ramo, germoglio, foglia o radice capace di costituire una nuova pianta).

L’agrifoglio cresce in terreni acidi, leggeri, ricchi di humus, che restino freschi d’estate. Molto resistente si adatta però benissimo a qualsiasi suolo, anche a quelli un pò calcarei. Si adatta ad un clima variabile ma soffre il freddo molto intenso; va innaffiata circa due volte a settimana ed esposta alla mezz’ombra o al sole pieno, inoltre, quando è necessaria, sopporta perfettamente la potatura.

notizie correlate:

Il Pistacchio, oro verde di Bronte
La cipolla di Bisaquino
Aloe vera, la regina di tutte le piante
Il Salice, antidoto per il “mal d’amore”
La Carruba, il pane di San Giovanni nel deserto